Conte, rosso di rabbia tensione con Maresca e insulti nel tunnel. Rischia uno stop pesante

Dopo il fischio finale di Udinese-Inter, lallenatore nerazzurro e larbitro Maresca vicini al contatto fisico nel tunnel. Ora c attesa per il refertoAncora tu, non mi sorprende lo sai. Antonio Conte non Lucio Battisti e non usa neppure la sua stessa dolcezza per urlare tutta la rabbia dellInter, in campo e nel tunnel verso gli spogliatoi. E accaduto di tutto a Udine, il timore dellInter che al danno si aggiunga una squalifica corposa per lallenatore. Perch la rabbia di Conte era tridimensionale per quella mancata espulsione di Arslan nel primo tempo che ha segnato un confine nella partita, certo. Rabbia per un recupero molto poco generoso concesso da Maresca, in rapporto al gioco assai spezzettato del secondo tempo. E rabbia, infine, anche per loccasione persa in classifica il titolo dinverno sar pure un passatempo statistico, ma meglio provare leffetto che fa invece che lasciarlo agli altri.Scintille nel tunnelCi credeva, Antonio. Ci credeva e lira funesta rovesciata sullarbitro Maresca ne la prova. Sei sempre tu, bravo Sei sempre tu, pure al Var cos ha urlato lallenatore nerazzurro, lasciando la panchina dopo il rosso. Era solo linizio. I quattro minuti di recupero avevano scatenato la sua protesta. E il riferimento al Var non pu sfuggire. Maresca era infatti il Var di Inter-Parma dello scorso 31 ottobre, match nel quale lInter si lament in maniera decisa per un calcio di rigore non concesso su Perisic quel pomeriggio la.d. Marotta usc allo scoperto nel post partita, parlando allora di vuoto normativo. Le proteste dellInter, allora, non erano prive di senso, prova ne sia il fatto che lo stesso Maresca fu poi fermato dal designatore Rizzoli. E nel calcio non vale mica il panta rei, non passa tutto. E il contrario, tutto resta. E resta nella testa di Conte. O in quella di Lele Oriali, anche lui espulso per proteste dopo il fischio finale. Tensione a mille, allarbitro sfuggito pi volte un bisogna sempre accettare, anche quando non si vince, ripetuto e indirizzato al vice di Conte, Stellini, e al capitano Handanovic che si erano avvicinati a chiedere spiegazioni. Parole che, alle orecchie dei giocatori nerazzurri, sono parse quasi una provocazione. E che infatti hanno contribuito ad aumentare lincendio, piuttosto che a spegnerlo. Il peggio doveva ancora venire gli animi si sono ancor pi surriscaldati una volta imboccato il tunnel verso gli spogliatoi, tragitto lungo il quale Maresca e Conte si sono di nuovo incrociati. La voce si alzata parecchio, i due sono arrivati vicini al contatto fisico, evitato solo grazie allintervento degli altri presenti, giocatori compresi il rumore di porte sbattute sovrastava il resto, il sempre tu di Conte che riecheggiava, sono volati anche insulti pesanti. E in casa Inter c adesso il timore per lentit della squalifica dellallenatore bisogner capire quanto pesante risulter il referto di Maresca, il rischio che si vada ben oltre Inter-Benevento di sabato prossimo.Vidal nervosoChiss, magari anche con questo sentimento il tecnico dellInter ha poi sintetizzato e minimizzato il caos che ha portato al rosso Io e Maresca non eravamo daccordo sul recupero, sono rimasto deluso nel vedere solo quattro minuti - ha detto Conte -. Il mio attaccamento, desiderio e voglia di vincere, non nervosismo sta allarbitro decidere e noi dobbiamo accettare anche se non daccordo. Pi in generale, sul match il tecnico ha aggiunto Potevamo essere pi precisi, mancata la qualit nellultimo passaggio. Questo pari diventa unoccasione sprecata. Dobbiamo migliorare per lottare per qualcosa di importante. Ma anche vero che stiamo portando la macchina al massimo dei giri e stiamo cercando di fare il meglio dando tutto quello che abbiamo. Stiamo facendo bene, anche in situazioni di difficolt che non si vedono o non si percepiscono. Magari servirebbe migliorare in qualche atteggiamento Vidal, sostituito nel secondo tempo, si lasciato andare a una protesta plateale, con le braccia che mimavano il gesto del vaffa e fascette varie gettate a terra. Di pi uscendo, il cileno non si subito sistemato in panchina, raggiunta solo in un secondo momento. Magari sfogher la sua rabbia nel derby Rispetteremo la Coppa Italia, ma inevitabilmente dovr fare delle valutazioni su chi avr recuperato e su chi no, ha spiegato Conte. LUdinese, marted, sar solo un ricordo. Maresca, invece, no.Comparatore Bookmakers offre la lista dei migliori siti di scommesse online che operano sul territorio Italiano con licenza aams.

I BONUS DEL MESE


fino a

€500

   

Bonus di Benvenuto Fino a 500 euro

25 giri gratuiti subito e bonus benvenuto fino a 500 euro

SI APPLICANO T&C

fino a

€15

   

Bonus di Benvenuto fino a 15 EURO

15 euro di BONUS Free per provare le scommesse sportive ed i giochi di Casino.

SI APPLICANO T&C

fino a

€200

   

Bonus di Benvenuto fino a 200€

Effettua un deposito da desktop o mobile, riceverai automaticamente una cifra equivalente al 100% del deposito fino a 200€.

SI APPLICANO T&C

Conte, rosso di rabbia: tensione con Maresca e insulti nel tunnel. Rischia uno stop pesante
Conte, rosso di rabbia: tensione con Maresca e insulti nel tunnel. Rischia uno stop pesante
800-450|||
gennaio
24
Conte, rosso di rabbia: tensione con Maresca e insulti nel tunnel. Rischia uno stop pesante
A CURA DI CONTE IN  SPORT 

Dopo il fischio finale di Udinese-Inter, l'allenatore nerazzurro e l'arbitro Maresca vicini al contatto fisico nel tunnel. Ora c'è attesa per il referto
Ancora tu, non mi sorprende lo sai. Antonio Conte non è Lucio Battisti e non usa neppure la sua stessa dolcezza per urlare tutta la rabbia dell’Inter, in campo e nel tunnel verso gli spogliatoi. E’ accaduto di tutto a Udine, il timore dell’Inter è che al danno si aggiunga una squalifica corposa per l’allenatore. Perché la rabbia di Conte era tridimensionale: per quella mancata espulsione di Arslan nel primo tempo che ha segnato un confine nella partita, certo. Rabbia per un recupero molto poco generoso concesso da Maresca, in rapporto al gioco assai spezzettato del secondo tempo. E rabbia, infine, anche per l’occasione persa in classifica: il titolo d’inverno sarà pure un passatempo statistico, ma è meglio provare l’effetto che fa invece che lasciarlo agli altri.Scintille nel tunnelCi credeva, Antonio. Ci credeva e l’ira funesta rovesciata sull’arbitro Maresca ne è la prova. “Sei sempre tu, bravo! Sei sempre tu, pure al Var!”: così ha urlato l’allenatore nerazzurro, lasciando la panchina dopo il rosso. Era solo l’inizio. I quattro minuti di recupero avevano scatenato la sua protesta. E il riferimento al Var non può sfuggire. Maresca era infatti il Var di Inter-Parma dello scorso 31 ottobre, match nel quale l’Inter si lamentò in maniera decisa per un calcio di rigore non concesso su Perisic: quel pomeriggio l’a.d. Marotta uscì allo scoperto nel post partita, parlando allora di “vuoto normativo”. Le proteste dell’Inter, allora, non erano prive di senso, prova ne sia il fatto che lo stesso Maresca fu poi fermato dal designatore Rizzoli. E nel calcio non vale mica il “panta rei”, non passa tutto. E’ il contrario, tutto resta. E resta nella testa di Conte. O in quella di Lele Oriali, anche lui espulso per proteste dopo il fischio finale. Tensione a mille, all’arbitro è sfuggito più volte un “bisogna sempre accettare, anche quando non si vince”, ripetuto e indirizzato al vice di Conte, Stellini, e al capitano Handanovic che si erano avvicinati a chiedere spiegazioni. Parole che, alle orecchie dei giocatori nerazzurri, sono parse quasi una provocazione. E che infatti hanno contribuito ad aumentare l’incendio, piuttosto che a spegnerlo. Il peggio doveva ancora venire: gli animi si sono ancor più surriscaldati una volta imboccato il tunnel verso gli spogliatoi, tragitto lungo il quale Maresca e Conte si sono di nuovo incrociati. La voce si è alzata parecchio, i due sono arrivati vicini al contatto fisico, evitato solo grazie all’intervento degli altri presenti, giocatori compresi: il rumore di porte sbattute sovrastava il resto, il “sempre tu” di Conte che riecheggiava, sono volati anche insulti pesanti. E in casa Inter c’è adesso il timore per l’entità della squalifica dell’allenatore: bisognerà capire quanto pesante risulterà il referto di Maresca, il rischio è che si vada ben oltre Inter-Benevento di sabato prossimo.Vidal nervosoChissà, magari anche con questo sentimento il tecnico dell’Inter ha poi sintetizzato e minimizzato il caos che ha portato al rosso: “Io e Maresca non eravamo d’accordo sul recupero, sono rimasto deluso nel vedere solo quattro minuti - ha detto Conte -. Il mio è attaccamento, desiderio e voglia di vincere, non nervosismo: sta all’arbitro decidere e noi dobbiamo accettare anche se non d’accordo”. Più in generale, sul match il tecnico ha aggiunto: “Potevamo essere più precisi, è mancata la qualità nell’ultimo passaggio. Questo pari diventa un’occasione sprecata. Dobbiamo migliorare per lottare per qualcosa di importante. Ma è anche vero che stiamo portando la macchina al massimo dei giri e stiamo cercando di fare il meglio dando tutto quello che abbiamo. Stiamo facendo bene, anche in situazioni di difficoltà che non si vedono o non si percepiscono”. Magari servirebbe migliorare in qualche atteggiamento: Vidal, sostituito nel secondo tempo, si è lasciato andare a una protesta plateale, con le braccia che mimavano il gesto del “vaffa” e fascette varie gettate a terra. Di più: uscendo, il cileno non si è subito sistemato in panchina, raggiunta solo in un secondo momento. Magari sfogherà la sua rabbia nel derby: “Rispetteremo la Coppa Italia, ma inevitabilmente dovrò fare delle valutazioni su chi avrà recuperato e su chi no”, ha spiegato Conte. L’Udinese, martedì, sarà solo un ricordo. Maresca, invece, no.
CONDIVIDI:
Conte rosso di rabbia tensione con Maresca e insulti nel tunnel Rischia uno stop pesante con aams comparatore blog casino
Conte rosso di rabbia tensione con Maresca e insulti nel tunnel Rischia uno stop pesante con aams comparatore blog casino
Conte rosso di rabbia tensione con Maresca e insulti nel tunnel Rischia uno stop pesante con aams comparatore blog casino
Conte rosso di rabbia tensione con Maresca e insulti nel tunnel Rischia uno stop pesante con aams comparatore blog casino

Leggi anche:
Calcio Serie A
Juve, la foto della festa negli spogliatoi è già virale
Le foto social dei giocatori bianconeri dopo la conquista della finaleLe reazioni dei giocatori nel post-partitaTORINO- Continua...
>>
Calcio Serie A
Pirlo: Handanovic il migliore dell'Inter. E sulla mia Juve 'allegrizzata'...
Il tecnico bianconero analizza la semifinale con l'Inter e il caldo dopo partita: "Il nostro modo di giocare? Ogni partita &egra...
>>
Pagelle
Juve-Inter, le pagelle: Demiral è una furia (7,5), Eriksen delude (5)
Nella squadra di Pirlo essenziale ma intensa la prova di Ronaldo, tra i nerazzurri l?attacco stecca la serataEnnesima versione p...
>>
Calcio Serie A
Juve-Inter: verdetto finale. Perché Buffon contro Lukaku è la sfida decisiva
I nerazzurri devono vincere 2-0 o segnando almeno tre reti per ribaltare l?andata. Bianconeri nella nuova versione più at...
>>
Calcio Serie A
Grinta, carisma gol a raffica senza età: perché Ibra è l'Uomo Vitruviano del pallone
Fenomeno di tecnica e di cervello: a 39 anni l'attaccante svedese sembra un ragazzinoTalento e fatica. Testa e cuore. Nervi e pa...
>>
Calcio Serie A
Cruz gioca Juve-Inter: Conte garanzia: con la Lu-La finale possibile
Con la Juve si esaltava: A Buffon segnai su punizione: che match... fu 3-1 per noiNon è tanto segnare i due gol, quanto f...
>>
Calciomercato
Inzaghi: Maledetto covid, altrimenti... Il contratto? Siamo a buon punto"
Il tecnico: "Abbiamo pagato i tantissimi assenti, ma ora non vogliamo fermarci più. Lotito con me si è sempre comp...
>>
Calcio Serie A
Di Francesco si lamenta: Quante perdite di tempo! Noi ok col nuovo modulo
Testo...
>>
Pagelle
Lazio-Cagliari, le pagelle: Leiva re del centrocampo: 7. Marin bene ma si mangia un gol: 5,5
Partita da vero leader del regista di Inzaghi, il mediano di Di Francesco sbaglia clamorosamente la rete del vantaggioAlla 600&o...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
Conte rosso di rabbia tensione con Maresca e insulti nel tunnel Rischia uno stop pesante con aams comparatore blog casino
BONUS
  • BONUS
  • CASINO NEWS
  • BONUS DI CASINO
  • COMPANY
  • CASINO
  • ECOMMERCE
  • ACCESSORI
  • GIOCA ONLINE
  • LIVE
  • HUBAFFILIATIONS EXPERTS
  • AFFILIAZIONI
  • PRESS RELEASES
  • AFRICA
  • PRONOSTICI
  • CALCIO SERIE A
  • REVIEWS
  • CASINO
  • SPOTLIGHT
  • GAMES
  • TENDERS
  • CASINO
  • VIDEOGAMES
  • ADVENTURE SLOT
  • VIP DIRECTORY
  • AFFILIATIONS


  • SKRILL

    NETELLER

    ARCHIVIO
    MAGGIO 2021
    FEBBRAIO 2021
    GENNAIO 2021
    DICEMBRE 2020
    NOVEMBRE 2020
    OTTOBRE 2020
    SETTEMBRE 2020
    AGOSTO 2020
    LUGLIO 2020
    GIUGNO 2020
    MAGGIO 2020
    APRILE 2020
    MARZO 2020
    FEBBRAIO 2020
    t:0.19 s:61281 v:4581263
     
    Il gioco è vietato ai minori e può causare dipendenza patologica - probabilità di vincita
    Casino dei Gladiatori